“U Strattu”, l’antica arte di lavorare il pomodoro: un’esperienza immersiva e multisensoriale

Nessun commento

Domenica 11 agosto, a Palazzo Adriano (PA) la rievocazione di una delle scene più note di “Nuovo Cinema Paradiso”

Chi è un vero appassionato di cinema non può non conoscere e apprezzare il borgo di Palazzo Adriano, piccola gemma siciliana che ha ospitato le riprese del film premio Oscar “Nuovo Cinema Paradiso” del regista Giuseppe Tornatore. Come non ricordare il borgo siciliano del film e la sua celebre piazza dove si ergeva maestoso il cinematografo che fu, nella pellicola, teatro di incontri, tragedie e testimone di sogni infranti, oggi denso di ricordi e suggestioni? 

Nella storica Piazza Umberto I sono state realizzate numerose e memorabili scene del film con episodi di vita degli abitanti. In occasione del festival cinematografico Paradiso Film Fest | 1° edizione è in programma domenica l’11 agosto la rievocazione di una delle scene più note dell’opera cinematografica: “U Strattu”, l’antica arte di lavorare il pomodoro. Nella piazza principale del paese verrà ricostruita l’ambientazione che ha fatto da sfondo alla pittoresca scena della lavorazione dell’estratto di pomodoro esposto al sole su tavole di legno ad essiccare.

Un momento dedicato non solo ai cittadini che alla fine degli anni 80 hanno convissuto con il regista Tornatore, il suo cast di attori e tutti i tecnici che hanno lavorato al film, entrando a far parte, seppur soltanto per qualche mese, dell’affascinante mondo del cinema, ma anche ad appassionati di fotografia e instagramer che vorranno immergersi in un tour fotografico per immortalare la rievocazione e condividerla in tempo reale attraverso l’hashtag ufficiale #ParadisoFilmFest. 

Il regista originario di Bagheria si è lasciato catturare dalla magia di questi luoghi, dalle sue bellezze artistiche, dal calore della gente, dalla particolarità del territorio. Ancora oggi si possono facilmente identificare i luoghi delle scene, intatti e perfetti nonostante lo scorrere del tempo. Tutto è rimasto inalterato e pieno di fascino: dalle caratteristiche mura in pietra delle case ai passaggi sotto gli archi. 

Il borgo è stato anche il set di altre tre pellicole cinematografiche e di diversi spot pubblicitari: molti degli abitanti hanno avuto la fortuna di prendere parte alle riprese ricoprendo il ruolo di comparsa e nessuno meglio di loro, durante la vostra passeggiata, potrà svelarvi curiosi retroscena e aneddoti su Philippe Noiret, Leo Gullotta o sul piccolo Totò Cascio. 

Per concludere il vostro viaggio indietro nel tempo e compiere un vero e proprio tuffo nel mondo del cinema, immancabile è una visita ai Musei Comunali, dove è allestita una mostra permanente dedicata a “Nuovo Cinema Paradiso”. Tra scatti fotografici, scenografie e piccoli cimeli di scena, potrete lasciarvi trasportare dalle note sognanti e malinconiche di Ennio Morricone.

Per leggere tutti gli aggiornamenti e il programma completo della manifestazione seguici alla pagina Paradiso Film Fest o su Instagram @paradiso_film_fest

Articolo successivo
“Paradiso Film Fest”, dall’8 all’11 agosto una rassegna di eventi culturali celebra la piazza di Palazzo Adriano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu