Cultura, natura, ospitalità, tradizioni e sapori: una gita fuori porta a Palazzo Adriano

Nessun commento

La ricca rassegna di eventi celebra la piazza di Palazzo Adriano, ma sarà anche l’occasione per scoprire angoli nascosti e scorci inediti.

State programmando la vostra gita fuori porta per partecipare al Paradiso Film Fest​?

La rassegna di eventi in programma sarà l’occasione per passare qualche giorno nel piccolo comune sicano e per conoscere tutti “i luoghi del Cinema Paradiso” con un itinerario dedicato a chi non si aspetta nulla di consueto. Venite a scoprire il borgo di Palazzo Adriano, luogo dal sapore antico ed essenziale che negli anni ha conquistato l’interesse di diversi registi e fatto sognare appassionati di cinema provenienti da ogni parte del mondo. Gli scorci più belli e i ciottoli di pietra bianca sono rimasti impressi in tante pellicole, ma sono i vicoli nascosti a rivelare gli aneddoti e le storie più suggestive di un paesino fuori dal tempo.

La Piazza del paese dove è stato girato il film di Tornatore Nuovo Cinema Paradiso. Il circolo degli ex combattenti dove si giocano infuocate partite di briscola

I diversi siti archeologici, il prestigioso patrimonio architettonico religioso e civile e l’intero impianto urbanistico del paese sono la testimonianza di un ricco e importante passato.
Tra le maggiori attrazioni turistiche della cittadina e luogo di ritrovo della vita quotidiana locale, Piazza Umberto I attirò l’attenzione del famoso regista Giuseppe Tornatore, che ne fece infatti il principale set cinematografico naturale per le riprese del film Oscar “Nuovo Cinema Paradiso”

Nella Piazza, degna di nota è la particolare Fontana ottagonale del 1608 ai cui lati si ergono come in un abbraccio tra l’oriente e l’occidente le due chiese più importanti del centro urbano. Si tratta della Chiesa di rito greco-bizantino dedicata a Maria Santissima Assunta (XVI secolo), la cui impronta bizantina si riconosce dalla colorazione rosso-oro e dalla presenza di icone, e della Chiesa di rito latino intitolata a Santa Maria del Lume (XVIII secolo), che conserva al suo interno alcune notevoli tele di Pietro Novelli. Nelle vicinanze, il settecentesco Palazzo Dara, oggi sede del Municipio, ospita al suo interno il Museo Geo-naturalistico del Permiano con la collezione di rarissimi fossili dell’era Paleozoica e la mostra fotografica permanente che raccoglie gli scatti delle più belle scene del film di Tornatore. 

Passeggiando tra le viuzze acciottolate, i vicoli e i singolari cortili, il visitatore può apprezzare le particolari edicole votive, i ruderi della Cartiera, dove si produceva la carta filigranata per gli atti ufficiali dei Borboni, e il Lavatoio Comunale, costruito in piena epoca Fascista (1938). 

Avventurandosi sul Colle di S. Nicola, il nucleo più antico del paese, si incontrano la Chiesa di San Nicola, decorata da stucchi e affreschi, e il Castello Federiciano, sede del Museo Civico Real Casina. All’interno dello spazio espositivo viene ospitata una mostra dedicata alla cultura e ai costumi Arbëreshë, con una serie di acquerelli raffiguranti le donne palazzesi in tradizionali abiti albanesi. Le opere furono realizzate dal pittore e incisore francese Jean Houel durante un suo viaggio in Sicilia. 

Poco distante dal paese, due blocchi calcarei di grande interesse paleontologico e geomorfologico, i cui fossili sono stati scoperti da Gaetano Giorgio Gemellaro nel 1887: la Pietra di Salomone, sulla cui parete ovest si trovano alcune stanze scavate dai bizantini e usate come vedette e la Pietra dei Saraceni, in cui è scolpita una scala che porta a un pozzo di forma circolare di cui ci si serviva probabilmente per la raccolta dell’acqua piovana. 

Articolo precedente
“Paradiso Film Fest”, dall’8 all’11 agosto una rassegna di eventi culturali celebra la piazza di Palazzo Adriano
Articolo successivo
Successo di pubblico la prima edizione del Paradiso Film Fest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu